L’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL ha inaugurato il 235° Anno Accademico dalla fondazione il 10 maggio 2017 presso la sede della Biblioteca Accademica in Villa Torlonia, alla presenza del prof. Giampaolo D’Andrea, Capo di Gabinetto del Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Nell’occasione sono state consegnate le Medaglie per il 2017:

La Medaglia dei XL per la Matematica è stata assegnata a Riccardo Salvati Manni, ordinario di Geometria presso la Sapienza di Roma, per la sua produzione scientifica sulle teorie delle funzioni theta e su quelle delle forme modulari, campi di ricerca nei quali ha dato contributi profondi e originali diventando un punto di riferimento a livello internazionale (commissione composta dai soci Enrico Arbarello, Enrico Bombieri e Giorgio Letta).

La Medaglia dei XL per le Scienze Fisiche e Naturali è stata assegnata a Ferdinando Boero, ordinario di Zoologia presso l’Università del Salento, per i suoi studi sulla biodiversità marina e sul funzionamento degli ecosistemi, con particolare riguardo alla tassonomia, biologia, ecologia ed evoluzione degli cnidari e per la sua costruttiva presenza in numerose istituzioni e strutture decisionali a livello internazionale e nazionale (commissione composta dai soci Carlo Barbante, Giuseppe Macino e Alessandro Minelli).

La Medaglia Matteucci è stata assegnata a Marco Tavani, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e principal investigator della missione spaziale AGILE, ASI-INFN, per la scoperta dell’emissione variabile di raggi gamma dalla Crab Nebula e dal Quasar 3C 545.3, e l’osservazione di raggi gamma originali dal decadimento dei mesoni pi0 nel Supernova Remnant W44, prima evidenza dei meccanismi di accelerazione dei protoni cosmici (commissione composta dai soci Paolo De Bernardis, Luciano Maiani e Giorgio Parisi).

Riccardo Salvati Manni

Riccardo Salvati Manni

Ferdinando Boero

Ferdinando Boero

Marco Tavani

Marco Tavani

 

Le due Medaglie dei XL costituiscono i primi premi governativi a carattere scientifico concessi nel 1866 dal Regno d’Italia, subito dopo l’unificazione del Paese: con Regio Decreto, il governo incaricava l’allora Società Italiana delle Scienze di assegnare annualmente le Medaglie ad illustri studiosi italiani di scienze matematiche e di scienze fisiche e naturali. Da allora sono stati insigniti delle Medaglie alcune tra le più rilevanti personalità scientifiche del nostro Paese. La loro istituzione si deve al fisico Carlo Matteucci – che fu presidente dell’Accademia dal 1866 al 1868 –  cosi come a lui si deve l’istituzione della Medaglia intitolata a suo nome, e della quale egli volle perpetuare il conferimento con una donazione apposita.

L’elenco completo dei premiati fino ad oggi è visibile sulla pagina dedicata ai Premi qui.